Mi sento solo: rimedi contro la solitudine

La solitudine è uno stato d’animo che nasce da un lontano passato alimentato da pensieri circolari reperibili nel presente di tutti i giorni. Ognuno di noi, può percepire la solitudine in maniera differente, trovando la presunta causa attraverso diversi fattori, come la timidezza, la mancanza di amici, l’inadeguatezza a socializzare, l’essere diversi, la mancanza di affetto e molto altro ancora.

Sono tutte ipotesi accettabili, ma allo stesso tempo incomplete. Ogni limite dell’essere umano viene forgiato durante il periodo infantile, mediante le proprie esperienze, le quali generano delle sensazioni che si cronicizzano, fino a divenire delle vere e proprie convinzioni, circa quello che siamo e che desideriamo dalla vita.

Tale percezione di noi stessi, viene confermata ogni giorno attraverso delle spiegazioni personali e dei pensieri circolanti, ovvero i discorsi che ci facciamo in testa, fino a consolidarli come un dato di fatto. La solitudine non è una patologia, e per questo non deve essere curata, ma ovviamente, è uno stato d’animo che non deve essere trascurato.

Come sentirsi meno soli

Il primo passo da compiere per guarire da questo stato d’animo è smentire di possedere una personalità incline alla solitudine. Se la nostra mente crede di avere una personalità problematica, non è possibile uscire da questo ginepraio, per questo, anche se ormai è molto tempo che si crede in ciò, bisogna rinunciare alla convinzione di possedere una predisposizione alla solitudine. Perseverare in questo, significa conservare per sempre tale convinzione.

Una volta smentito il carattere incline alla solitudine, è importante diventare più esigenti con se stessi. Molto spesso, abbiamo moltissime aspettative riguardo gli altri ed il loro atteggiamento ed ha tutto quello che potrebbe accadere di positivo nella loro vita. Da qui il passo verso una delusione importante è breve.

Quindi è giusto non aspettare che la fortuna passi dalla nostra parte e che le persone siano tutte buone, presenti e comprensive. Dobbiamo richiedere da noi stessi, maggiore voglia di sperimentare e maggiore volontà, accettando l’idea, che solo noi stessi possiamo cambiare le cose, attraverso un cambiamento che parte dal profondo della nostra anima.
Del resto, la solitudine, è una esperienza personale che può essere sconfitta solo con un vero cambiamento interiore.

Mi sento solo

Per evitare di chiudersi a guscio, è importante fare nuove attività, ed incontrare persone. La scelta è ampia, potete iscrivervi in palestra, a scuola di ballo, svolgere attività di volontariato, spettacoli teatrali, partecipare a conferenze a tema, andare al cinema, a concerti, in viaggi organizzati, fare corsi di fotografia, di pittura eccetera. In base all’attività che sceglierete, avrete a disposizione moltissime possibilità, ma in base alla scelta, è importante cercare sempre di interagire con le persone.

Qualsiasi nuova esperienza,implica un’apertura, che a sua volta determina nuove conoscenze, per questo è importante prendere l’iniziativa. La timidezza potrebbe essere un ostacolo , che richiede un approccio differente rispetto alla vostra personalità. Non bisogna enfatizzare troppo questo limite ed agire con tutta la forza che abbiamo.

Inizialmente potrebbe capitare di arrossire, oppure di aver una voce insicura, ma successivamente, il disagio, mano amano scomparirà. Tutto quello che al massimo può accadere, è che alcune persone noteranno la vostra timidezza, che non è un difetto così terribile da far allontanare le persone, anzi, molto spesso, può incoraggiare a dar seguito al proprio spirito di iniziativa.

Spesso capita che le persone, cercano di trovare amicizia, forzando un po’ la mano, ovvero cercando di essere ad esempio, simpatici a tutti i costi, oppure tormentando la nuova amica o il nuovo amico.

L’essere insistente e pesante, può danneggiare seriamente l’amicizia.

È importante per questo, agire con gradualità, lentamente, imparando ad essere paziente, senza dover pretendere a tutti i costi, di più di quanto non ti vogliono dare. Quando conosciamo nuove persone che ci fanno sentire a nostro agio, è molto facile lasciarsi andare a confidenze intime, oppure a critiche sul mondo o su altre persone. Bisogna fare attenzione però, perché alcuni argomenti potrebbe infastidire l’interlocutore ed urtare la sua sensibilità.

Proprio per questo, è importante fare un passo alla volta, e non parlare subito dei propri problemi personali.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.