Melatonina per dormire: come assumerla e effetti collaterali

Melatonina per dormire

La difficoltà ad addormentarsi e dormire male sono problemi che riguardano sempre un numero di persone maggiore. Ma per fortuna esistono rimedi per dormire.

Le cause dell’insonnia sono molte come l’ansia, lo stress e le preoccupazioni. è un problema che riguarda un numero crescente di persone. Secondo le ricerche in Italia sono ben 9 milioni le persone che soffrono di insonnia.

Melatonina per dormire

Melatonina per dormire

Uno dei migliori rimedi per combattere l’insonnia e è sicuramente la Melatonina.

La Melatonina è stata scoperta da Richard Wurtmann nel 1982 a scoprire che a bassi dosaggi (2-4 milligrammi al giorno prima di coricarsi) la melatonina poteva indurre il sonno in modo naturale nelle persone che soffrivano di insonnia.

Tali persone che usarono per prime la melatonina per dormire sostenevano che dopo alcuni giorni essa induceva un sonno più ristoratore di quello che si ottiene con i sonniferi che provocano molti effetti collaterali.

Normalmente la Melatonina in capsule puoi trovarla ad un prezzo sulle 17 euro in farmacia, ma noi l’abbiamo trovata di qualità a soli 10 euro.

Scopri la nostra offerta con Melatonina di alta qualità

Indicata per:

  • Disturbi del sonno,
  • disturbi dell’attenzione,
  • sindrome della fase del sonno ritardata,
  • jet lag.

Ciò perchè la melatonina non altera la struttura (fasi REM) del sonno, ma anzi la regola in modo naturale.

La melatonina regola naturalmente il sonno senza presentare gli effetti collaterali di un classico sonnifero. 

La melatonina (a bassi dosaggi) è un rimedio naturale contro l’insonnia che ripristina e regolarizza la struttura del sonno e quindi non interferisce con la memoria, con il rendimento del giorno successivo e non provoca effetti di stanchezza residua che si invece si osservano con la maggior parte degli ipnotici e ansiolitici a base di benzodiazepine.

Cosa è la Melatonina?

La Melatonina è un ormone naturale, prodotto di notte dal nostro corpo ed in particolare dalla ghiandola pineale.

La Melatonina viene attivata dall’oscurità, aumenta durante la notte, per poi diminuire con l’avvicinarsi del mattino e con l’aumento della luce.

Dormire e riposare bene per almeno 7/8 ore per notte è fondamentale per il benessere generale del nostro organismo. Ricorda che tante funzioni importanti del nostro corpo avvengono e si rigenerano proprio di notte quando dormiamo.

Si ritiene che sia in qualche modo collegata con i processi del sistema immunitario, ma una delle sue funzioni principali consiste nell’impostare l’orologio biologico che governa i nostri cicli o ritmi circadiani.

Ovviamente i lunghi viaggi in aereo possono disturbare l’esposizione al buio/luce e, di conseguenza gli schemi di sonno.

Una piccola dose di melatonina assunta poco prima di andare a letto può essere utile per ristabilire il ciclo sonno-sveglia.

Dopo i 45 anni, la ghiandola pineale comincia fisiologicamente e normalmente a rallentare la propria attività.

Questa diminuzione dell’attività della ghiandola pineale (ed il conseguente diminuzione di produzione di melatonina) che fisiologicamente si verifica con l’aumentare dell’età è uno dei fattori che spiega l’aumento dell’insonnia negli anziani, l’insorgere dei disturbi tipici della menopausa e dell’andropausa, nonché l’invecchiamento (è stato ipotizzato che l’organismo interpreti il calo dei livelli di melatonina come l’ordine che è giunto il momento di invecchiare ed è per questo che la melatonina viene utilizzata per prevenire i danni dell’invecchiamento)

Melatonina come assumerla? Dosaggio di gocce e compresse

La forma più comoda di consumo di Melatonina è sicuramente in compresse. Essere aiutano a  risolvere i problemi legati al sonno, favorendo un rapido addormentamento ed un riposo notturno ininterrotto, profondo e salutare anche quando viaggiamo in fusi orari differenti e potremmo patire appunto il cambio di fuso.

Per ripristinare il ciclo sonno-sveglia si consiglia dall’ 1 a 3 mg al giorno in compresse. Assunta un’ora prima di andare a dormire.

Se presa in gocce sono consigliate 15 gocce in mezzo bicchiere di acqua naturale.

–>> Un ottimo prodotto naturale contro l’insonnia a base di Melatonina e altre piante è la Melatonina Pura. I suoi ingredienti sono appunto Melatonina, Passiflora, Tiglio, Escolzia, Camomilla, Valeriana e Biancospino.

Melatonina effetti collaterali e controindicazioni

Dopo aver parlato dei benefici e gli aspetti positivi, parliamo anche delle controindicazioni e degli effetti collaterali della Melatonina.

Melatonina effetti collaterali

Melatonina effetti collaterali

Ti elenco alcuni casi in cui è sconsigliato assumere questo rimedio per dormire meglio:

  • in caso di insufficienza epatica e problemi al fegato
  • in caso di patologie autoimmuni
  • in caso di insufficienza renale e problematiche ai reni
  • in tutti i casi in cui si svolgono attività lavorative delicate come guidare un mezzo pubblico o privato. Infatti la melatonina potrebbe provocare rilassamento e leggera sonnolenza anche durante il giorno

Inoltre, in rari casi, la Melatonina potrebbe causare questi effetti collaterali:

  • sonnolenza diurna (il giorno dopo che l’hai assunta)
  • tachicardia
  • disturbi gastrointestinali

–>> Scopri anche le nostre tisane rilassanti, ideali per combattere insonnia e ansia in modo naturale

Melatonina jet lag

Melatonina jet lag

Melatonina jet lag

Sicuramente la Melatonina è famosa come rimedio per le persone che viaggiano spesso e che soffrono di jet lag. Essa permette di ristabilire una buona qualità del sonno agendo come abbiamo visto sulla ghiandola pineale.

Non è stato ancora raggiunto un accordo unanime sull’utilità di assumere dosi integrative di melatonina per aiutare chi soffre di jet lag a ristabilire i propri ritmi circadiani.

Alcune persone sostengono che la Melatonina sia efficace mentre altre affermano che li rende depresse.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.