3 Ansiolitici Naturali come alternativa ai farmaci

Sappiamo che l’ansia e lo stress sono pronti ad “aggredirci” a ogni passo che facciamo durante la nostra giornata: le cause possono essere le più diverse (lavoro, famiglia, problemi affettivi), ma il risultato è sempre lo stesso, ci sentiamo ansiosi e stressati.

L’ansia è un campanello d’allarme che compare nel nostro stato d’animo in quei momenti che tendiamo a considerare come un pericolo, una minaccia. Si tratta di situazioni che ci influenzano negativamente e fanno parte dei disturbi psichici più comuni, condizioni definite clinicamente “disturbo d’ansia generalizzato”, che colpiscono maggiormente le donne ma ne soffrono anche gli uomini.

ansiolitici naturali

ansiolitici naturali

Primi di scoprire i nostri ansiolitici naturali per combattere l’ansia e l’insonnia va comunque fatta una distinzione fra chi si angoscia per uno stato d’ansia lieve e passeggero, causato da un evento stressante come può essere un esame o il dover parlare in pubblico, e chi invece è affetto da un disturbo d’ansia di tipo cronico, che dura da diversi mesi e può continuare a peggiorare se non viene curato.

Gli ansiolitici sono farmaci capaci di combattere l’ansia con pochi effetti collaterali, anche se solitamente possono causare sonnolenza.

Questi farmaci contengono benzodiazepine e le persone che li assumono in modo regolare possono avere bisogno di dosi progressivamente maggiori per ottenere gli stessi effetti iniziali. Abitualmente sono prescritti per brevi periodi di tempo, specialmente nei pazienti che potrebbero diventare dipendenti dai farmaci con facilità.

La dipendenza dagli ansiolitici è uno degli effetti collaterali più frequenti e se il consumo non viene ridotto in maniera progressiva, possono manifestarsi sintomi di astinenza ed il ritorno dell’ansia alla fine della cura medica.

Combattere l’ansia è una battaglia che va affrontata su diversi fronti: può essere utile dedicarsi a tecniche di rilassamento e di meditazione, cercare di individuare le cause dell’ansia per eliminarle e anche ricorrere agli ansiolitici naturali.

Esistono diversi farmaci in commercio che vengono utilizzati per combattere l’ansia (anzi, sono fra i più venduti frai prodotti farmaceutici), ma gli effetti collaterali (dipendenza compresa) che portano con sè sono molto pesanti: il gioco potrebbe non valere la candela.

Prima di tutto va fatta una premessa importante sull’utilizzo degli ansiolitici naturali: si tratta di sostanze efficaci, ma che non possono avere la stessa rapidità di azione dei farmaci.

Questo vuol dire che dovremmo assumere con regolarità questi rimedi naturali per qualche tempo prima di vederne gli effetti, che si faranno sentire in maniera più graduale e dolce.

Dunque non aspettiamoci miracoli immediati dall’assunzione degli ansiolitici naturali: assumiamoli con costanza e secondo le dosi indicate dall’esperto di cure naturali cui facciamo riferimento, e vedremo presto che si riveleranno efficaci e duraturi nell’aiutarci a combattere l’ansia.

Ansiolitici naturali come alternativa ai farmaci

Scegliere invece uno fra i diversi ansiolitici naturali che la tradizione erboristica ci mette a disposizione ci permette di utilizzare un rimedio efficace e allo stesso tempo senza rischiare di incorrere in effetti collaterali che potrebbero generare altra ansia (invece di combatterla).

Camomilla

camomilla per dormire

camomilla per dormire

Partiamo con la regina degli ansiolitici naturali, la camomilla: fin da bambini, siamo stati abituati a cercare conforto in una tazza fumante di questa bevanda quando eravamo agitati.

E in effetti la camomilla ha un effetto calmante e sedativo grazie alla presenza dei flavonoli e sembra in grado di agire su alcuni recettori del cervello (gli stessi su cui agiscono i farmaci ansiolitici) e calmare gli stati di ansia.

Se il nostro è uno stato di ansia leggero, possiamo provare con la classica camomilla calda (scegliamo però i fiori con cui preparare una tisana, perchè sono di qualità migliore rispetto alla bustine confezionate), da consumare la sera prima di andare a letto: può diventare una sana abitudine, una coccola che fa bene sia al corpo che allo spirito (infatti, oltre a conciliare il sonno, aiuta a combattere i disturbi della digestione come il reflusso gastro-esofageo e l’acidità di stomaco).

Se invece abbiamo bisogno di combattere uno stato di ansia più intenso, una semplice tisana a base di camomilla potrebbe rivelarsi non abbastanza efficace: se la nostra ansia ci crea insonna e altri disturbi del sonno potremmo utilizzare altre formulazioni (come per esempio compresse o estratti) che contengono una maggior quantità di principio attivo.

Sono disponibili diverse formulazioni che contengono camomilla: per quel che riguarda quella che può essere la più adatta al nostro stato di ansia e le dosi in cui utilizzarle, ricordiamoci sempre di seguire i consigli di un professionista qualificato.

Leggi anche l’articolo sulle Goccioline per dormire Sedivitax

Iperico

L’Iperico è una pianta perenne che allevia l’ansia, la depressione e i disturbi del sonno con la stessa efficacia dei farmaci convenzionali, ma senza i loro effetti collaterali e con la tranquillità che si tratta di una soluzione naturale.

L’effetto ansiolitico dell’iperico, conosciuto anche come “erba di San Giovanni” , non è l’unico delle sue proprietà salutari e proprio per questo in molti paesi è ampiamente consumato anche dagli studenti universitari nel periodo di esami, un prodotto naturale che non può mancare alle persone che sanno di dover vivere momenti di stress o di ansia.

A differenza dei farmaci psicotropi, l’iperico non provoca sonnolenza e non altera la nostra capacità cognitiva, non altera il nostro carattere o inibisce in altro modo come quando si prendono ansiolitici per periodi prolungati. Ovviamente si tratta di stati d’ansia generalizzata e depressivi moderati o lievi, come l’astenia primaverile o un periodo di eccessiva pressione sul lavoro, problematiche occasionali non così gravi da richiedere un sostegno medico.

–>> Prova il nostro Iperico di qualità al miglior prezzo

Tè verde

Può sembrare strano che una bevanda come il tè sia in grado di calmare gli stati di ansia: ma non stiamo parlando del classico tè nero, ma del tè verde, che ha già dimostrato di possedere diverse proprietà che lo rendono molto efficace come ansiolitico naturale nel mantenere in salute il nostro corpo e anche il nostro spirito.

Infatti il tè verde è ricco di un particolare amminoacido, la L-teanina, che ha un effetto calmante: inoltre, essere più calmi vuol dire riuscire a concentrarsi meglio e quindi a risolvere i problemi che la vita quotidiana nei suoi diversi aspetti può presentare in modo più rapido e semplice.

Assumere il tè verde come bevanda quotidiana (oppure i suoi principi attivi concentrati in un integratore) ci permette quindi di mantenere la calma anche davanti alle situazioni più complesse, combattendo l’ansia che spesso ci assale quando dobbiamo affrontare problemi di studio o di lavoro.

Hai mai sentito parlare del The Verde Matcha?
Contiene davvero tanti ossidanti e caffeina naturale (qui The verde Matcha di qualità)

  • Stimola il metabolismo e aiuta a dimagrire
  • Aiuta a bruciare grassi dall’8-10% al 35-43% in più
  • Drenante, Disintossicante e Antietà
  • 60 Capsule più Sicure e Concentrate del tè verde in bustina
  • Favorisce la concentrazione e diminuisce lo stress
  • Lo Trovi qui!!!

Melissa

La Melissa è una pianta perenne consigliata come antisterico e sedativo per le persone che soffrono di disturbi di origine nervosa, come palpitazioni, depressioni, insonnia, ansia. La melissa rilassa i muscoli ed elimina gli spasmi muscolari che possono comparire dopo un esercizio fisico pesante o quando abbiamo un senso di nervosismo generale.

Gli infusi di melissa sono usati per curare la depressione e il nervosismo, ma anche problemi come l’indigestione e la nausea. Oltre all’acqua di melissa esiste anche l’olio essenziale, che si utilizza per cosmetici, profumi e bevande.

La pianta di melissa si può coltivare sia in vaso che in terra, in un ambiente fertile e umido, non in pieno sole e al caldo eccessivo. Soprattutto nei mesi più caldi richiede innaffiature costanti, si può seminare o propagare per talea, ma le piante vecchie tendono ad avere un cattivo profumo mentre una pianta giovane e in salute ha un profumo fresco e piacevole, con le foglie ricche di oli essenziali.

Passiflora

La Passiflora è conosciuta anche come “fiore della passione” ed ha effetti calmanti naturali, induce il sonno e allevia gli spasmi muscolari. È uno dei prodotti più effaci ed usati in erboristeria per ridurre i sintomi dell’ansia, dello stress, del nervosismo e dell’isteria. Per i suoi effetti calmanti e ansiolitici è utili anche per i sintomi da astinenza nelle persone con problemi di alcolismo o droghe, in quanto aiuta ad evitare o ridurre l’ansia che si soffre in questi casi.

Non è proprio quella che si può considerare una piccola erba aromatica da crescere in un vasetto in casa, perchè è una pianta rampicante tropicale con fusto legnoso che può raggiungere grandi dimensioni, dai bellissimi fiori che hanno ispirato leggende e storie tradizionali.

Lavanda

La Lavanda è una delle piante aromatiche ansiolitiche più conosciute, dalle virtù calmanti e lenitive, che rappresenta una possibilità interessante per un trattamento naturale per ridurre i principali sintomi di ansia e stress. La lavanda favorisce il riposo notturno ed è un ottimo rimedio per l’emicrania, ma il suo utilizzo più diffuso probabilmente è come essenza per un bagno rinfrescante e purificante, specialmente in caso di reumatismi e problemi muscolari.

Il suo olio essenziale è impiegato nella preparazione di profumi, deodoranti e vari cosmetici, mentre i fiori essiccati chiusi in sacchettini di cotone si usano per profumare la biancheria e tenere lontani i parassiti.

Coltivare una piccolo cespuglietto di lavanda in vaso è molto facile, perchè non richiede irrigazioni regolari e cresce bene nei terreni poveri e asciutti. Molto facile riprodurla o procurarsene una pianta, in quanto basta qualche rametto da trapiantare dove vogliamo crescerla.

Luppolo

Probabilmente lo associamo alla birra, ma il luppolo ha dimostrato di avere interessanti proprietà ansiolitiche e calmanti sul nostro organismo.

Il problema può derivare dal sistema di assunzione: infatti, se lo assumiamo tramite una tisana, potremmo essere infastiditi dal suo sapore fortemente amaro.

Per evitare questa situazione possiamo utilizzarlo in associazione ad altre sostanze naturali (per esempio la camomilla, oppure la melissa, dal sapore intenso di limone), in modo da ottenere una bevanda gradevole, utile soprattutto quando l’ansia ci porta all’insonnia.

Dar ricordare che il luppolo potrebbe interagire con alcuni farmaci (in particolare alcuni psicofarmaci): se assumiamo delle medicine, verifichiamo prima con il nostro medico la possibilità di integrare questo rimedio naturale.

Aloysia

E’ una pianta delle verbenacee originaria delle Ande che si distingue subito per il suo gradevole profumo di limone, a cui deve la denominazione “citrodora”. Arrivata in Europa nel XVIII secolo, per le sue proprietà e il suo aroma gradevole è utilizzata per la preparazione di cosmetici, infusi e preparazioni medicinali.

Nel XIX secolo era abbastanza comune trovare sacchetti di aloysia nei cuscini, perchè aiutava a rilassarsi ed avere un sonno tranquillo. Ancora oggi è una delle piante officinali più utilizzate per conciliare il sonno, calmare l’ansia ed aiutare con le digestioni pesanti. Il suo olio essenziale si trova soprattutto nelle foglie, in cui sono concentrati i principi attivi citrale, geraniolo, nerolo e limonene, da cui proviene il profumo.

L’aloysia, commercializzata in Italia specialmente con il nome di citronella, ha ottime proprietà rilassanti ed è utilizzata per problemi di stress, ansia, insonnia e nervosismo generale. Per dormire nelle calde notti estive, prova a bere una limonata alla citronella, ideale per riposare meglio e senza controindicazioni.

Calendula

La Calendula è conosciuta come pianta medicinale fin dall’antichità per le sue proprietà calmanti, depurative, cicatrizzanti, antinfiammatorie e antisettiche. È una pianta abbastanza rustica e coltivata anche per scopi decorativi, con fiori giallo-arancio che non passano inosservati ed abbelliscono molti giardini.

Per crescere delle piante di calendula, assicurati che il terreno in cui sono piantate sia ben drenato ed esposto al sole, non umido. È una pianta abbastanza forte e non richiede innaffiature eccessive, basta che siano regolari e non venga esposta alle gelate. I suoi fiori vivaci si aprono con la luce dell’alba e dopo il tramonto si richiudono, si usano per colorare vari piatti della cucina come pure le sue foglie si usano nelle insalate.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.