Ansia da vacanza: perchè se ne soffre e come combatterla

Finita la stagione lavorativa e recuperati ritmi più lenti grazie alle vacanze, ad agosto ci sentiamo più rilassati e meno soggetti a stress. Non tutti! Ci sono persone che, strano ma vero, soffrono di ansia da vacanza.

Perchè si soffre di ansia durante le vacanze, in un periodo in cui, viceversa, ci si dovrebbe divertire e rilassare?

Ci sono diversi motivi: in primo luogo ci sono persone iper-produttive, molto dedite a lavoro, che hanno letteralmente il terrore di chiudere con la routine quotidiana che riempe loro le giornate e che li fa sentire attivi. Se ti ritrovi in questa descrizione, dovresti innanzitutto comprendere che il lavoro non è tutto nella vita, è vero occupa gran parte della giornata ma non è certamente lo scopo per cui si è al mondo, è semplicemente un mezzo per vivere bene.

Per combattere l’ansia da vacanza, quando ti trovi senza alcun impegno, puoi provare a colmare questo “vuoto” lavorativo dedicando il tuo tempo libero agli altri, piuttosto che chiamare in ufficio a tutte le ore del giorno!

Puoi entrare a far parte di un’associazione di volontariato o semplicemente aiutare un vicino o un conoscente anziano, perchè aiutare il prossimo ci fa sentire utili.

C’è chi invece, abituato ad una vita scandita da ritmi rigorosi, non sopporta l’idea di programmare e riprogrammare il proprio tempo per se’ e per la propria famiglia, non vorrebbe dover prenotare voli ed alberghi, ne’ tanto meno cambiare ambiente ed orari.

In questo caso sappi che non sei obbligato ad andare migliaia di chilometri lontano da casa, potresti utilizzare la pausa estiva per dedicarti ai tuoi hobby, ad attività rilassanti come giardinaggio o yoga, programmando più semplici gite in giornata con i tuoi cari.

Se invece, magari sotto le pressioni del partner, ti ritrovi a fare i conti con un volo intercontinentale, chiedi il suo aiuto per programmare insieme le ferie.

L’ansia da vacanza estiva può essere anche dettata dalle alte aspettative che riponiamo un periodo così concentrato, in cui vorremmo fare e vedere sempre troppo: cerca di essere realistico, il giro del mondo in 14 giorni è un’impresa piuttosto ardua!

Cerca di programmare un viaggio in linea col tempo e con i soldi a disposizione, e sii consapevole che non sempre può filare tutto liscio, all’estero ancor più che a casa gli imprevisti sono all’ordine del giorno!

Maria Amatulli

One Response

  1. Davide

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.